Recensione di Amore Latitante di Fiorella Carcereri

Buongiorno amici, ieri abbiamo intervistato l’autrice Moka che ci ha accompagnato nel magico mondo della poesia. Oggi restiamo nella scuderia di Arpeggio Libero Editore, passando alla prosa e presentandovi Amore Latitante.

RECENSIONE di “Amore Latitante” di Fiorella Carcereri – Edito da Arpeggio Libero Editore

Image

Image

“Amore Latitante” è un libro che mi ha creato una certa difficoltà nell’individualizzazione del genere e della forma: siamo di fronte ad un romanzo romantico? Ad un diario? Ad una sequenza di fatti? Quindi, con quale approccio porsi di fronte a questo libro?

Dopo aver letto le circa 70 pagine di cui è composto, sono giunta ad una conclusione: è sicuramente un’opera dei nostri tempi, adatta a chi ama leggere ma non ha molto tempo a disposizione. Infatti si presta benissimo come lettura da viaggio. Dopo qualche pagina, non ho avuto problemi ad infilarlo in borsa ed utilizzarlo nei minuti che mi separavano da una località all’altra. Per quanto tratti un argomento quale l’assenza dell’amore e i suoi retaggi, riesce a catturare l’interesse del lettore pur mantenendo alto il livello d’attenzione verso l’ambiente in cui si sta leggendo garantendo così una certa distensione.

A mio parere lo trovo pratico per chi vuole immergersi nella lettura, allontanarsi dalla realtà, ma al tempo stesso essere presente , per cui è stato di ottima compagnia nei viaggi in treno. Pratico anche per chi è impaziente di conoscere il seguito; infatti non ci troviamo di fronte ad un’opera in cui per giungere al “colpo di scena” bisogna leggere pagine e pagine di eventi più o meno interessanti e che spesso ti portano a saltare qualche paragrafo: “Amore Latitante” si fa leggere tutto proprio per la sua prosa da diario, semplice, libera da vincoli, pratica e veloce.

Ma andiamo alla storia: Valeria è un’adolescente che vive i disagi della sua giovane età in un tempo regolato dai tabù; la sua vita di giovane donna evidenzia la differenza fra ieri e oggi, sottolineando i due eccessi: totale assenza di libertà e quindi di dialoghi propensi alla conoscenza del mondo contro l’estrema libertà e la precoce conoscenza della vita da parte degli adolescenti di oggi. Nel libro assistiamo al percorso di vita di Valeria costellato da insuccessi d’amore e soddisfazioni lavorative, da riflessioni sulla solitudine e viaggi che la portano a conoscere nuovi mondi. Sarà l’assenza dell’amore e la paura della solitudine che porteranno la protagonista a non temere più la vita tanto che di fronte a quella che potrebbe sembrare una gioia, lei si sentirà libera di decidere se accettarla o meno.

L’autrice con la sua opera ci mostra quanto forte può essere un uomo/una donna di fronte alle difficoltà e che gli eventi della vita possono aiutarci nel nostro cammino.

In fine: “Amore Latitante” è consigliabile a chi non ama attendere, a chi preferisce giungere subito al dunque. Meno per chi ama le lunghe storie d’amore.

Link per l’acquisto dal sito dell’editore: http://www.arpeggiolibero.it/libri/narrativa/amore-latitante-s

Inoltre il libro può essere acquistato nelle librerie e sugli store internet.

Intervista all’autrice Moka e presentazione della sua raccolta di poesie “Nessuno è innocente”

Buongiorno, amici,

quante cose facciamo nell’arco di una giornata? Eh sì, lo so, adesso state pensando ai vostri impegni e state sbuffando. Ma cosa ne dite di sederci cinque minuti per leggere una poesia e sognare che non fa mai male?

Oggi intervistiamo una giovane autrice di poesie, Moka, e vi presentiamo la sua opera pubblicata con Arpeggio Libero Editore.

Biografia:

Image

Moka è nata e cresciuta sul Lago Maggiore. Diplomata come Perito Meccanico ha scoperto l’amore per la poesia e la scrittura alle superiori. Ora vive tra l’Italia e la Svizzera dove lavora in una ditta elicotteristica, sua seconda grande passione. Ha partecipato a diversi concorsi letterari, ottenendo risultati sia nell’ambito della prosa sia nella poesia: terzo posto a Voci per la Poesia di Tortona col racconto breve “Morte del giorno” (2001), secondo e primo posto al concorso G.V.O.Z. di Arona con i racconti brevi “Quell’angelo d’acciaio” (2001) e “Finalmente, ancora” (2003); seconda classificata con la poesia “Gigli Bianchi” al Sesto Premio di Poesia – Città di Borgomanero (1999) e terza classificata, l’anno seguente, con la poesia “Sotto la falce di luna”.

Sei poesie inedite sono state selezionate e inserite nell’antologia de “I Premi di Pagine” (2004).

Nel 2009 ha pubblicato il primo libro: una silloge di poesie e sei brevi racconti dal titolo “Verrà la Notte avrà la tua Luce”. Nel 2011 é uscito il secondo libro “Amanti di carta” scritto a quattro mani con WSKS, grande amico ed ex collega. Nell’ambito del Premio Mario Luzi 2013 sono state selezionate tre poesie inedite che saranno pubblicate nell’antologia omonima.

Nessuno è innocente

Editore: Arpeggio Libero

Image Image

Nessuno è innocente: Viaggiando nei meandri dei ricordi affiorano i pensieri di ciò che siamo stati o siamo voluti essere, abbandonati all’elemento cuore. {…} Bisogna leggere Nessuno è innocente tutto di un fiato e poi ripercorrerlo nel tempo, gustando le luci e le penombre, abbandonandosi alle parole e asciugando le lacrime di chi ha sofferto.
In questo percorso di vita, non rimaniamo estranei, perché qualsiasi cosa accada, qualcuno ha già tracciato il solco verso il nucleo dei nostri pensieri. Moka ci fa sentire meno soli.

Estratto dell’opera:

L’attimo celeste

Divorato dai sogni e dalle speranze,
come le rocce pungenti di un fiume
impetuoso, hai scosso i ghiacciai 
con la tua rabbia.

Hai tagliato i miei occhi
nel nostro incontro estremo
e celeste in vetta,
il tuo magma agro dolce
ha prosciugato il mio esistere.

Ho acquistato coraggio
per tornare alla vita umana,
nella culla del mio esistere,
dimenticando chi sono stata.

Alcuni link per l’acquisto:

Sito dell’editore: http://www.arpeggiolibero.it/libri/poesia/nessuno-e-innocente-s

ibs: http://www.ibs.it/code/9788897242567/moka/nessuno-innocente.html

Inmondadori: http://www.inmondadori.it/Nessuno-e-innocente-Moka/eai978889724256/

Amazon: http://www.amazon.it/Nessuno-%C3%A8-innocente-Moka/dp/8897242561/ref=sr_1_50?s=books&ie=UTF8&qid=1385378390&sr=1-50&keywords=arpeggio+libero

Intervista:

Annalisa:

Ciao Moka, prima di tutto sono curiosa di sapere perché hai scelto uno pseudonimo così simpatico.

Moka:

Eh-eh! È stata mia nipote Sabrina: da piccola non riusciva a pronunciare il mio nome e così mi chiamava Moka, da lì a poco tutti hanno iniziato a chiamarmi così. Mi piace anche l’idea che al mio pseudonimo si associ il profumo del caffé. Io amo il caffé, ne sono drogata!

Annalisa:

Vivi sospesa fra due passioni, il tuo lavoro e la scrittura. Come concili le due cose?

Moka:

Sospesa é il termine adatto, sono sempre fra le nuvole, in realtà sono abituata a trasformare la realtà in fantasia. Amo gli elicotteri e li trasformo in draghi per cui alla fine tutto si concilia con la scrittura.

Annalisa:

Ricordi quando hai scritto la tua prima opera? Cos’hai provato?

Moka:

È stata una grande emozione, mi sono sentita completa. È stato a quindici anni: ho scritto un tema e la mia professoressa di lettere mi ha fatto notare che in realtà era una poesia.

Annalisa:

Come hai capito che amavi scrivere?

Moka:

La scrittura mi fa sentire viva, mi ha fatto crescere e diventare consapevole di me, di come sono, dei miei demoni, dei difetti e dei pregi.

Annalisa:

Qual è il tuo autore preferito?

Moka:

Alda Merini

Annalisa:

Come nascono le tue opere?

Moka:

Dalle emozioni e dai sogni, ma anche dai momenti più stravaganti, devo avere sempre con me qualcosa per prendere appunti altrimenti impazzisco folgorata da un’idea che so che perderò presto. E dalla natura e, ovviamente, anche dalle persone che mi accompagnano, da quelle perse e da quelle ritrovate.

Annalisa:

Cos’è per te la poesia?

Moka:

È una rivoluzione.

Annalisa:

Nella presentazione della tua raccolta “Nessuno è innocente”, l’editore scrive “Viaggiando nei meandri dei ricordi affiorano i pensieri di ciò che siamo stati o siamo voluti essere…” quanto incide la vita nella composizione di un’opera letteraria?

Moka:

Perdonami faccio una precisazione: la persona che mi ha fatto la presentazione é un mio caro amico con cui ho scritto il precedente libro, un poeta; Ritornando alla tua domanda: la vita incide in tutto e per tutto, sui personaggi, su i loro pensieri, nelle loro contraddizioni e azioni é impressa la vita, essa é trasformata per vedere le situazioni da un altro punto di vista, le emozioni sono elaborate in modo che possiamo affrontarle dall’esterno.

Annalisa:

Diamo luce alla poesia: perché scegliere un libro di poesie piuttosto che un romanzo?

Moka:

Bé io ho iniziato con la poesia, la poesia é un momento, a me personalmente serve poco tempo per scriverla, forse un po’ di più per rivederla; invece per il romanzo si ha bisogno di concentramento e per me é rischioso perché resto troppo invischiata dalle trame, dai personaggi ed é difficile rientrare nella quotidianità. Anche se dopo sette anni sono riuscita a mettere la parola fine al mio primo romanzo ed é stata una grande emozione.

Annalisa:

Domanda libera: cosa vuoi aggiungere?

Moka:

Grazie per avermi dato questo spazio in cui presentarmi! Sei molto dolce.

Grazie Moka per averci parlato dello straordinario mondo della poesia.