Traduzioni – lezioni di napoletano.

GRATIS

DA OGGI FINO A DOMANI 26 NOVEMBRE, ORE 14 E 30

IL ROMANZO PROFUMO D’OTTOBRE. UN AUTUNNO DI RICORDI

51tlmllhjyl-_sy346_

CLICCA QUI 

* * *

la-lettera-troisi-benigni-02

Traduzione n° 1. Massimo Troisi – La lettera a Savonarola. 

M. Ma pecché c’amma metter’ mmiez’a ‘sti ccos’, Saverio?

(Ma perché dobbiamo metterci in mezzo a queste cose, Saverio?

S. Ma perché sì, si può inventare anche qualcosa… che serve per il mondo, dai!… Mi dai il foglio scritto col conto della macelleria?!

M. Aret’ è bianc’, lo puoi scrivere cca, no?

(Dietro è bianco, lo puoi scrivere qui, no?)

S. E uno scrive al papa dietro ad un foglio con i conti della macelleria!

M. ‘O foglio bianc’!

(Il foglio bianco!)

S. Vuoi risparmiare… Dammi una penna!… Qui c’è la cartoleria a portata…

Allora…

M. M’arraccumann’, Saverio, con educazione, nun c’amma fa riconoscere, cercamm’ ‘e fa nu poco anonim’.

(Mi raccomando, Saverio, con educazione, non dobbiamo farci riconoscere. Cerchiamo di essere un po’ anonimi.)

S. E allora, dettala te la lettera!

M. Nu poco anonim’.

S. Eh così… vai!

M. “Caro Savonarola”

S. Aspetta, prima la data, no?

M. Frittole…

S. Quando sarà?

M. Quasi 1500.

S. Frittole, quasi 1500?

M. ‘O ssaje tu quant’ n’avimm’?

(Tu lo sai quanto ne abbiamo oggi?)

S. E che scrivi? Mandi una lettera a Roma, quasi 2000!?

M. E allora, miet’ “estate quasi 1500”. Is ‘o sape!

(E allora, metti “Estate quasi 1500.” Lui lo sa )

S. Allora… “Caro….”

M. No, aspiett’…

S. Savonarola…

M. Aspiett’ n’attim’…

(Aspetta un attimo!)

S. San… san…

M. Nun scrivere subbit’! (Non scrivere subito!)

S. San…?

M. “Santissimo Savonarola…”

S. “Santissimo.”

M. “Come sei bello!” per esempio! Comm’ si vulessem’ ricere…

(Come se volessimo dire)

S. “Santissimo Savonarola…”. Scriviamolo “come sei bello”

M. No no…

S. “Santissimo Savonarola, quanto ci piaci!”

M. …po se n’accorge… Scriv’!

(Poi se ne accorge. Scrivi!)

S. “…Quanto ci piaci a noi due…”

M. Almen’ se mett’ già ca sim’ seguace.

(Almenno scriviamo già che siamo seguaci)

S. L’esclamativo ce l’avranno?

M. Liev’… allor’ si nun se sape ca ce sta l’esclamativ’, mo cca scrive, “scusa le volgarità”

(Togli… Allora, se non si sa che c’è l’esclamativo, adesso qui scrivi…)

S. Scusa le volgarità?…. E che volgarità… Savonarola…?

M. E chill ogne ccos’ è peccat’! Ca ce miett’ ‘o punt’ esclamativ’ “Chi è sto’ cos’ qua? L’uomo con il puntino… Nuje ce mettim’ ‘e spalle ‘o ssicur’!

(E per lui tutto è peccato! Se qui metti il punto esclamativo “Cos’è questo coso? L’uomo con il puntino…”. Noi ci mettiamo con le spalle al sicuro.

S. “Scusa le volgarità”… Allora, mettiamo la freccia: “Questo è un esclamativo, non è una volgarità”

M. No no no “scusa le volgarità”… eventuali…

S. Eventuali perché?

M. Eventuali perché?… Eventuali cosinò… ‘A vuò scriver’ comm’ ric’ ij? Sì o no? Pecché cosinò chill’ dice “Allora perché m’hann’ scritt’ scusa le volgarità? Si nun ce stann’ volgarità, vuol dire ca vulevn’ esser’ volgar’ e nun ce so riuscit’?”… Volgarità eventuali!

(Eventuali altrimenti… Vuoi scriverla come dico io? Sì o no? Perché altrimenti lui dice “Allora perché hanno scritto scusa le volgarità? Se non ci sono volgarità? Vuol dire che volevano essere volgari e non ci sono riusciti?)

S. “Eventuali… Chi… c-come va?!”. No, come va nun ci ‘o mettim’. (No, “come va” non lo mettiamo)

M. Eh.. Savo… santissimo… noi non…

S. Lascia vivere Vitellozzo…

M. Lascia… lascia… Potresti lasciar vivere Vitellozzo?!

S. Vitellozzo…

M. Se puoi?

S. Savonarola!

M. Savonarola… Mo c’amma cercà ‘e spiegà pe’ bben’… Capito o no?… Pecché is fa acussì. Tutt’ è peccat’…

(Ora dobbiamo cercare di spiegare per bene. Capito? Perché lui fa così. Tutto è peccato!)

S. “Savonarola”… No ma anche dirgli che lui è proprio uno che…

M. E appunt’ pecché dic’…? Scriv’ “Savonarola…”

(E appunto, perché dicevo…? Scrivi!)

S. Savonarola

M. Savonarola

S. “Che c’è?”

M. “Eee… che è?”

S. “Che, oh!? Diamoci una calmata”. Come a dire tutti insieme.

M. Eh!

S. “Diamoci…”

M. No, no sul’ a is’! (No, non solo lui)

S. “Diamoci una calmata.. e… oh”

M. Miett’ ‘e par… “e” fra parentesi. (Metti le parentesi…)

S. “E… e, e…” acca “…oh”

M. Poi scriviamo scusa le parentesi.

S. Sì…

M. “E che… che… che… che… Che è? Qua par’ ca ogn’ ccos’, ogn’ ccos’ un’ nun se po’ mover’! E questo e quello… e pure per te… oh!” No? Oh!

S. Be’ sì… “Questo e quello…”

M. “Due persone… personcine. Noi siamo due personcine perbene.

S. Non facciamo male a nessuno.

M. “Che non farebbero male nemmeno a una mosca…”

S. “figuriamoci…”

M. “… figuriamoci a un santo come te”

S. “… figuriamoci a un santone come te”

M. …un santone come te… “Anzi…”

S. “Varrai più di una mosca!” No?

M. No, lascia sta, par ca ‘o miett’ in competizione… anzi…

(No, lascia stare, sembra che vuoi metterlo in competizione)

S. “Anzi…”

M. “Anzi” già spieg’ tutt’ cos’, che varrai più di una mosca…!

S. Ciao!… Eh…

M. No, no, no ca ce vo nu salut’ per bene… proprio cioè da peccatori umili… E capit’ o no? … “Noi ti siamo, cioè ti salutiamo con…”

(No, no no, qui ci vuole un saluto per bene…)

S. “Ti salutiamo con…”

M. “…con… come non sappiamo nemmeno…” No, aspetta… aspetta…

S. “Proprio siamo…”

M. Scriv’ “Ti salutiamo con la nostra faccia sotto i tuoi piedi.” È proprio ‘o massim’ ra… (E’ proprio il massimo della…)

S. Sicuro?

M. Perché?

S. “Con la nostra faccia…”

M. Da peccatore… un’ fa ‘na penitenza. (Uno fa una penitenza)

S. “Sotto…”

M. “… i tuoi piedi. Senza chiederti nemmeno di stare fermo. Puoi muoverti!”.

S. Cioè, che vuol dire?

M. Cioè, ‘a faccia sott’ ‘e pier’ e is po’ cammenà… Accussì is penz’ proprio ca siamo due umili, è capit?

(Cioè, con il viso sotto i piedi e lui può camminare. Così lui pensa proprio che siamo due umili. Capito?)

S. Bellissima, bellissima immagine, con la faccia sotto i piedi. “E puoi muoverti quanto ti pare e piace e noi zitti sotto”

M. E va be’… mo scriv’ tutt’a… (E va bene, ora scrivi tutta la…)

S. Va be’. “E noi zitti sotto”

M. Punto. E basta… “Scusa, scusa il paragone…”

S. Ah, la mosca…!

M. … e il frate. “Non volevamo minimamente offendere. I tuoi peccatori di prima…”

S. Prima di salutare…?

M. “…con la faccia dove sappiamo…”

S. Ormai s’è detto, cioè lui… “…con la faccia…”

M. “Due peccatori con la faccia dove sappiamo.”

Quante “e” ci sono in napoletano?

Tre.

La “e” congiunzione come in italiano, la “è” verbo come in italiano e infine la” ‘e ” apostrofata. Le prime due hanno lo stesso significato dell’italiano, la terza sta per la preposizione “di”.

“La maglia di tuo fratello” = “‘A maglia ‘e fratete”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...