Frammenti d’alba

Provino per il contest Writers XFactor – Team donne under 30

di

Norma Nassi

L’aurora rischiarava le sagome dei palazzi della città. Iniziava ad albeggiare e una luce brillante rendeva tutto più definito, netto. La notte stava ritirando veloce il suo buio, come se il sole prepotente volesse scacciar via le tenebre. Elena socchiuse gli occhi e respirò a fondo l’aria ancora frizzante della notte. <<E’ ora di muoversi>>, disse. Avrebbe voluto che quel chiarore illuminasse anche la sua anima. Per la prima volta nella sua vita, doveva fare un salto nel buio e non riusciva ancora a capacitarsene. <<Non dirmelo: oltre ad essere una nottambula recidiva, stai diventando anche mattiniera? Sai, esiste anche qualcosa di nome “riposo”. Di solito giova alla salute e fa sparire quelle occhiaie da panda che ti ritrovi.>>. La voce profonda di Alessandro interruppe per un breve istante i suoi pensieri. <<A me piacciono i panda, lo sai.>>. <<Anche a me, soprattutto se sanno preparare il latte col cioccolato come fai tu.>>. Da quando erano piccoli, quello del latte e cioccolato (cioccolatte, come lo chiamava Alessandro da bambino) preparato da Elena era un vero rito: che fosse il primo giorno senza febbre o la notte prima dell’esame di maturità, quella semplicissima bevanda era sempre stata testimone delle loro confidenze. <<Andiamo, sorellona. Mi devi un bel bicchiere per aver turbato il mio preziosissimo sonno.>>. Effettivamente interrompere i regolari sonnellini del fratello era ardua impresa per chiunque già dai tempi della culla, e dal momento che era certa di non aver fatto rumore mentre sgattaiolava fuori dalla loro stanza, vederlo sveglio all’alba la stupì moltissimo. <<Faresti qualunque cosa per avere il tuo cioccolatte, eh?>> ridacchiò, rientrando in salotto per dirigersi verso la cucina. I loro genitori stavano ancora dormendo, dopotutto era agosto. Finalmente nessuna sveglia all’alba per il padre, faticosamente messosi in ferie per non subire i colpi del caldo micidiale che da settimane avvolgeva la loro città. <<E’ pur sempre il primo giorno, da cinque mesi a questa parte, che non ti sento singhiozzare prima di dormire e non appena sei sveglia. Neppure Morfeo in persona potrebbe impedirmi di vedere i primi segni di ripresa e brindare con te.>> <<Come sai che sono…?>> <<Te l’ho detto. Niente singhiozzi la notte, quando sei certa che siamo tutti addormentati; niente cuscino bagnato di lacrime al mattino, quando ti stropicci gli occhi e fingi che sia perché devi ancora svegliarti e non per eliminare le ultime prove del tuo pianto.>> spiegò lui, sedendosi al suo posto. Con aria compiaciuta fissò la sorella mentre interrompeva la delicata operazione di versamento del latte nelle loro tazze preferite, sempre le stesse: Alessandro usava solo ed esclusivamente il bicchiere con le figure di Paperino, Elena la tazza bianca con decorazioni blu che aveva ereditato dalla nonna. <<Sai, non riesco ancora a credere che tu mi abbia davvero regalato il tuo prezioso bicchiere.>> disse a quel punto Alessandro, fissando perplesso il recipiente. Lo faceva ogni singola volta. <<Non la finivi più di frignare e ho avuto pietà di te, lo ammetto.>> scherzò lei, mescolando il cioccolato in polvere al latte. Una volta seduta, Elena osservò il fratello. Sapeva che aspettava di sentirla parlare. <<Ho deciso di rifiutare lo stage a Bruxelles. E cambierò indirizzo universitario. Ci ho pensato molto, e anche se credo che a mamma e papà verrà un colpo, sono certa che sia la cosa più giusta da fare.>> Alessandro annuì. <<Non mi dici nulla?>> chiese stupita. <<Approvo in pieno, sorellona. Mi saresti mancata troppo, e poi…>> <<E poi?>> <<Tu non volevi quello stage, né Bruxelles, né tutto il resto. Lo avevi fatto per Michele, per sentirti degna di lui.>> <<L’ho sognato, sai? È stato strano, ma ho capito tante cose.>> Già, Michele. Il motivo per cui aveva deciso di darsi da fare in grande stile. Il talentuoso, speciale, fantastico Michele. Anche testardissimo ed orgoglioso. Le mancava terribilmente. Quando le aveva comunicato d’essere stato scelto per un posto di prestigio, Elena aveva stabilito all’istante di dover trasformare il suo piccolo sogno in qualcosa di più straordinario e degno di nota. Degna di lui. La viva intelligenza, il carisma e l’innato talento di Michele l’avevano indotta a migliorarsi più di quanto avesse fatto fino ad allora. Quella pratica pigrizia che l’aveva sempre fatta arrancare dove avrebbe potuto splendere era svanita, sostituita da una nuova determinazione, diversa da quella a cui era abituata. Innamorata di un ragazzo testardo quanto e più di lei, aveva inconsciamente cercato di trovare un modo per mettersi alla pari e non farsi schiacciare dalla sua forza. Per quanto amasse le personalità decise, non voleva esserne succube. Si era iscritta a Scienze Politiche e aveva deciso di intraprendere la carriera diplomatica; aveva passato notti insonni al pc per ottenere un colloquio per uno stage a Bruxelles, dove avrebbe lavorato Michele. L’ultimo anno di liceo lo aveva trascorso tra libri e lavoro, per mettere da parte i soldi del viaggio. Michele si era già messo in caccia per il suo appartamento (che lei avrebbe arredato), mentre Elena si era informata su hotel e ostelli per la sua permanenza fino alla sistemazione definitiva. Una volta al mese, per cominciare, poi chissà. In quel momento tutto le era sembrato possibile. Come un cristallo in balia del vento, quella possibilità era caduta e andata in frantumi, e nei mesi successivi alla morte di Michele si era ferita più volte coi resti di quell’effimera eventualità. Vederlo in sogno aveva cambiato le cose ed era pronta a ricominciare. <<Dici che mamma e papà si arrabbieranno molto?>> <<Magari faranno i polemici, sulle prime…ma poi saranno contenti. E comunque non hai niente da temere: ci sono io a darti manforte in trincea.>> Elena lo strinse forte e lui ricambiò l’abbraccio. <<Tranquilla, sorellona. Ricominciare è la parte più bella della vita. È l’occasione che ti mancava, e che hai deciso di cogliere.>>

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...