Buonaseraaa, ok, ci siamo, mancano pochi giorni e dopo le risate con Canta per me, è giunta l’ora di presentare anche Tersa, no? Se vi fa piacere scoprire qualcosa in più del pianeta Tersa, Vi aspetto venerdì 27 Febbraio, alle ore 18. Alla Cartolibreria Mancini, in via Nuova Poggioreale 11 – 12 – Napoli. Vi aspetto. 10531358_849437798432578_8219841402320503294_o

Internet contro la televisione

radio-407112_640

Quanto spazio occupa oggi la televisione nella vita degli italiani? È ancora uno dei mezzi di comunicazione di massa più diffusi? Siamo al punto in cui internet e in particolare i social network, stanno catturando l’intera attenzione del Paese?

Introdotta in Italia intorno agli anni 40/50, la televisione ha conosciuto tre fasi: dagli anni ’40 ai ’70, le frequanze e i canali erano ancora scarsi, questi aumentarono dagli anni ’70 in poi, fino alla fase del boom dell’offerta dei canali digitali e interattivi. Ma cosa è cambiato a livello di contenuti?

Non è mai troppo tardi (Corso di istruzione popolare per il recupero dell’adulto analfabeta)” è il titolo di una nota trasmissione, curata da Oreste Gasperini, Alberto Manzi e Carlo Piantoni e trasmessa dal 1960 al 1968 dalla Rai con il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione. Il programma aveva il fine di insegnare a leggere e a scrivere agli italiani. Direi alquanto utile per quel periodo. Ma la televisione fa da tempo compagnia a più generazioni, tanto da occupare per tutta la seconda metà del ventesimo secolo e oltre un posto importante nella vita degli italiani, causando purtroppo la chiusura di alcune sale cinematografiche, la diminuzione degli aspettatori a teatro e la diminuzione della lettura.

Adesso cosa troviamo in tv? Sembrerebbe il momento dei talent show, ma già oggi troviamo un calo di ascolti, come sembrerebbe stia accadendo alla trasmissione “Forte, forte, forte”, secondo alcune riviste online. 

Tutto un altro spettacolo” questo è lo slogan del talent show, ideato da Raffaella Carrà e Sergio Japino e condotto da Ivan Olita.

Il programma prevede dieci puntate mirate alla ricerca di un presentatore che sappia ballare, cantare e intrattenere il pubblico televisivo.

Sebbene sia in prima serata e sull’emittente Rai1, sembra che gli ascolti siano bassi. Hanno, quindi, deciso di affidarsi a degli ospiti e stasera s’inizia con Giancarlo Magalli. Perché proprio da lui? Perché Giancarlo Magalli è oggi considerato “l’uomo di internet”, in quanto, menzionato nel mondo virtuale del web, come presidente della Repubblica Italiana.

Voi cosa ne pensate? Il web soppianterà la tv?