Megara e Sebeto

Megara e Sebeto

greek-1392847_960_720

Osservavo la chioma folta dell’albero sotto il quale mi ero distesa, persa nell’abbandono del riposo giovanile, quello che non ha fretta, che giunge all’estremo per assaporare meglio il disfacimento delle energie. Poche ore prima aveva piovuto e ora l’odore pungente del sottobosco risaliva pizzicando il naso.

Odio i calzini, soprattutto quelli lunghi e bianchi, odio l’insalata, i cetrioli e il viso di topo dell’insegnate d’italiano. – dissi, osservando il ragno che faticosamente intrecciava la tela fra i rami. Benedetta scorse con l’indice sulle righe nere di un libro: – E ora devi dire cosa ti piace.

Vanni!” pensai. Il cuore iniziò a battermi disordinatamente, facendomi accaldare e sudare.

Allora? Non dirmi che non ti piace nulla! – m’incalzò Betta. Lasciai il ragno alla sua laboriosa attività e spostai lo sguardo sulla mia amica. Il capo biondo, appena inclinato verso destra e l’iride pulsante di luce, colpirono la mia attenzione. Benedetta afferrò il nastrino che usava a mo’ di segnalibro e chiuse il volume. Della polvere svolazzò, lasciando le pagine.

Mi piacciono i maccheroni1 della Domenica, il profumo della carta, suonare il pianoforte, ascoltare gli uccelli e le battute di Carmine e Maurizio. E anche il vino!

Il vino?

Il vino.

E quando lo avresti bevuto?

Quando sono stata nella stanza dei ragazzi. Lo rubarono al giardiniere.

Claudia, mica ti hanno fatta ubriacare per approfittare di te?

Mi misi seduta, spalancando la bocca; una ciocca nera mi coprì il volto. – M-ma cosa dici? – borbottai.

Un respiro affannoso e passi pesanti interruppero quella stupida conversazione.

Oh mamma, non ce la faccio più. Ora muoio, muoio di sicuro! – Maurizio ansimava con una mano al petto.

Ma sei giovane. – Betta commentò quell’affermazione sventolando la mano in alto.

Ho vinto io, primo! – esclamò Carmine, correndo da noi.

Ma cosa dici? Sono arrivato prima io. – bofonchiò Maurizio.

Ti sbagli, il punto di arrivo è qui, ti sei fermato prima.

Non è vero, era qui. Sbagli tu.

E Vanni? – il viso di Benedetta, già bianco di suo, divenne quasi diafano. Le labbra secche evidenziarono la sua preoccupazione, appena espressa con quella domanda quasi sillabata.

S’è fermato a bere alla fontanina. – rispose Maurizio.

Non si beve subito dopo un’attività fisica.

Ma quello più che correre, guardava le ragazze. – si lamentò Carmine, accasciandosi a terra: – Bah, sono distrutto!

Io e Betta ci guardammo, lei ormai aveva capito che Vanni mi piaceva e fra noi c’era un tacito accordo: lui non sarebbe stato di nessuna delle due, ma avremmo lottato, se qualcuna avesse provato a portarcelo via. Il mio apprezzamento per Vanni era fra le righe perché avevo paura di perdere la mia amica.

Lui giunse con il sorriso sulle labbra. Aveva la pelle bruna come la terra in Autunno.

Cos’è stato? – gli chiese Benedetta, ora in piedi.

Cos’è stato cosa? – domandò lui.

Perché hai l’aria sognante?

Perché l’amore fa male.

L’amore?

Il sole scese all’orizzonte, avvolgendoci con la sua luce tenue che superava le piante e gli alberi della Villa Comunale. Le ombre dei miei amici si distesero sul terriccio. Lo sguardo di Benedetta s’impregnò della finta indifferenza di Vanni; penso che avesse per lui un amore ossessivo ed egli sentiva attaccata sulla pelle quell’angoscia asfissiante di lei. Il respiro di Benedetta sembrò essersi fermato, per ascoltare una risposta che sperava meno dolorosa di quanto anticipato da Carmine. Solo dopo quella replica, avrebbe concesso ai suoi polmoni di espandersi.

L’ora del vespro avanzava, rendendo sempre più buio il cielo.

Ho incontrato un amico. – rispose Vanni.

Un amico? – il tono di Benedetta era quasi accusatorio.

Presto partirà per la Germania.

Vanni si sdraiò sull’erba, proprio accanto a me e respirò profondamente: – Dio, quanto sei bella, Claudia. – sussurrò, ma io intesi bene e ora non controllavo più i battiti del cuore.

Non ho capito! – esclamò Betta.

Dicevo a Claudia che questo amico mio mi ha raccontato una storia.

Voglio sentirla anche io. – Benedetta si riaccomodò.

Più di mille anni fa c’era un uomo ricco che si chiamava Sebeto. S’innamorò follemente di una bella donna, Megara. Si sposarono ed erano felici. Un giorno Megara prese una barchetta per raggiungere un’isola dove vivevano i suoi genitori. Il vento soffiò d’improvviso e la barchetta si capovolse. Megara morì e divenne uno scoglio. Sebeto seppe della sua morte e il dolore fu così intenso che pianse per il resto dei suoi giorni, fino a sciogliersi e diventare un fiume.

È la storia dell’isolotto di Megaride e del fiume Sebeto! – commentai, felice.

Vanni mi guardò: – Esatto.

L’amore non è sempre un tormento, quando si accetta l’affetto di qualcuno. – sbottò Benedetta.

Calmati, bambulè!

Da Profumo d’Ottobre. Un autunno di ricordi

Immagine: http://www.pixabay.com – Natura/Paesaggio – Twinee1

I miei ebook

I miei ebook

 

CARAVANTE_COVER_15112016.jpg

Il Chrismon e gli angeli caduti (Anche cartaceo)

Cattivi Pensieri (Anche cartaceo)

Alma do sol. L’amore e la passione

Profumo d’Ottobre. Un autunno di ricordi (Anche cartaceo)

Il profumo dei ricordi (Anche cartaceo – Ebook gratuito)

Il segreto degli aghi di pino

Alma do Sol – La storia di Chiara e Julio

Immagine                      sunset-325193_640

 

 

 

La storia di Chiara e Julio lontani dalle loro Terre per lavorare in Brasile. Scritto da un sondaggio vinto da Maria Cristina Alves Dias

Puntate:

1. La nave della speranza – (Prima parte)

2. La nave della speranza – (Seconda parte)

3. La fazenda

4. Schiavi bianchi

5. Esteban

6. Catalina Blanco Ortiz